L'amministrazione commenta

Dieci anni di amministrazione e cambiamenti

Nel mese di maggio si terranno le elezioni amministrative per le elezioni del Sindaco e del Consiglio comunale di Albisola Superiore e questo è quindi l’ultimo articolo che io scrivo su “Albisola Informa” nella mia funzione di Sindaco della città, incarico che ricopro dal giugno 2009.

Questi 10 anni sono stati molto intensi e molte cose sono cambiate, si è trasformato il tessuto sociale della città come conseguenza dell’azzeramento delle attività industriali che avevano caratterizzato la storia di Albisola del dopoguerra. Gavarry, FAC, Piral (ex stovigliai) non ci sono più e a queste si sono aggiunte le chiusure e le dismissioni di altre attività produttive come Betonbit, Albiscavi ecc.

La crisi economica ha gravemente segnato la città come ha segnato l’intera Provincia di Savona ed effetti consistenti si sono visti anche nelle entrate comunali sia per la perdita di gettito delle tasse che pagavano le aziende che per le politiche nazionali di contenimento della spesa pubblica che ci hanno sottratto, attraverso il fondo di solidarietà, una consistente quota dell’IMU.

In questi 10 anni Albisola ha avuto, però, una profonda trasformazione anche in positivo e numerose sono state le innovazioni promosse e realizzate dal Comune come è quasi impossibile citare tutti gli interventi che si sono realizzati nel miglioramento della viabilità, nelle politiche ambientali ed energetiche e nelle diverse modalità che il Comune si è dato per la propria organizzazione. Tra le cose che voglio ricordare c’è la gestione dei rifiuti che ci ha visto scalare dagli ultimi ai primi posti la classifica regionale della raccolta differenziata, la ristrutturazione imponente del polo scolastico, il rifacimento a led di tutta la pubblica illuminazione, la trasformazione che si è realizzata nella frazione di Ellera e la realizzazione di un efficiente sistema di gestione delle emergenze delle attività di protezione civile.

Pur nella crisi dell’economia Albisola ha registrato la crescita del numero delle attività commerciali e collegate al turismo; hanno aperto o riaperto bar e ristoranti con un saldo positivo di oltre 30 attività in questi difficili anni.

La città è diventata protagonista nel proprio comprensorio: gestiamo funzioni ed attività per conto di comuni vicini avendo realizzato una serie importante di gestioni associate con le quali si è riusciti a risparmiare ed aumentale l’operatività tecnica del Comune: gestiamo le gare d’appalto per 5 comuni confinanti, la protezione civile per Albisola Marina con cui gestiamo insieme rifiuti e SUAP e le due Albisole hanno da tempo coordinato le loro azioni di programmazione delle manifestazioni e delle iniziative turistiche e culturali. Albisola ha avuto in questi anni una stagione teatrale di elevato livello, vitalità e continuità nelle manifestazioni e nelle iniziative culturali, turistiche e tutti gli impianti sportivi sono stati migliorati e non è un caso che le società sportive che per convenzione con il Comune li gestiscono si siano mantenute ad elevati livelli come nell’atletica, nel Karate e nella palla a volo o come nel calcio che festeggia l’Albissola nella serie C!

Lasciamo molti progetti importanti avviati, alcuni da completare e realizzare ma tutti hanno fatto passi avanti e sono prossimi alla realizzazione: confidiamo che il nostro progetto del ribaltamento del Casello autostradale e del II lotto dell’Aurelia bis venga presto finanziato e che si avviino i lavori del geen park di Albasole e del nuovo centro per anziani nel Santuario della Pace confidando che la prossima Amministrazione vorrà proseguire il lavoro fatto ed impostato per il futuro sperando che finiscano i tempi difficili che abbiamo vissuto nei quali le fondamentali risorse dei privati per lo sviluppo sono venute a mancare.

Questo è l’ultimo articolo che firmerò come Sindaco su Albisola informa… Si avvicina la fine del mio mandato e comincio qui a congedarmi da Voi.

E’ stato, nonostante tutto, entusiasmante fare il Sindaco della città in cui sono sempre vissuto; sono stato onorato della vostra fiducia e credo di aver fatto ciò che dovevo per ripagarla. Sento comunque il bisogno di ringraziare tutti i cittadini che hanno collaborato, in particolare le vive associazioni cittadine del volontariato, gli Assessori i Consiglieri e i dipendenti del Comune che hanno lavorato intensamente in questi anni. Per me dopo tanti anni di impegno politico ed amministrativo è giunto il tempo di passare la mano e fare altro, ma ci sarà qualcuno, ne sono certo, che raccoglierà il compito, che continuerà con passione e, lo spero, saprà fare anche meglio!


Franco Orsi